Separazione spermatica magnetica tramite colonne di annessina

La presenza di un’elevata quantità di spermatozoi con la membrana plasmatica alterata e il DNA frammentato, ha un impatto negativo sulla fertilità naturale e anche sui risultati della riproduzione assistita. Per questo motivo, disporre di un metodo di filtrazione molecolare efficace, capace di selezionare una popolazione di spermatozoi sana, presuppone una nuova rivoluzione nei trattamenti di fertilità. Questa selezione si può conseguire mediante la tecnica di separazione espermatica magnetica mediante colonne di annessina V (MACS).

Gli spermatozoi che hanno iniziato il processo di apoptosi (invecchiamento che conduce alla morte cellulare programmata), avendo la membrana plasmatica alterata, espongono la fosfatidilserina (un fosfolipide che si trova all’interno del citoplasma). La fosfatidilserina ha la capacità di unirsi specificamente alla proteina annessina V. Se si incubano gli spermatozoi con annessina V, a cui previamente siano state accoppiate piccole sfere metalliche, risulterà che le proteine unite a sfere metalliche si attaccheranno alla membrana degli spermatozoi che hanno iniziato il processo di apoptosi.

Successivamente, si fa passare il campione di quello seminale attraverso un campo magnetico che cattura gli spermatozoi recanti metallo sulla loro membrana, cosicché gli spermatozoi danneggiati si separano da quelli sani, e questi ultimi rimangono liberi. In questo modo, possiamo separare efficacemente gli spermatozoi che hanno iniziato il processo di apoptosi, e che possiedono DNA frammentato, da quelli completamente sani.

L’uso di una popolazione di spermatozoi non apoptotici, con le membrane
intatte e il DNA non frammentato, può ottimizzare i risultati delle
tecniche qualità embrionale, aborti a ripetizione e sterilità senza causa apparente.

RICHIESTA INFORMAZIONI SENZA IMPEGNO FERTILAB

Compila il form e ti contatteremo immediatamente..

Ho letto e accetto le condizioni legali condizioni legali *